Il Castello di Clavesana reso moderno dalla domotica

Progetta la Domotica inizia il 2020 con un caso di studio molto affascinante: la ristrutturazione, in chiave domotica, del Castello di Clavesana (Cuneo). Il mio ingresso nel team composto da Maurizio e Matteo mi dà la possibilità di raccontare le difficoltà e le sfide vinte come System Integrator in alcuni progetti, sia in Italia che all’estero.

Dimora del XVII secolo fondata dai Marchesi di Clavesana, il castello domina il Tanaro e si affaccia sulle Alpi. All’interno gli ambienti sono caratterizzati da volte affrescate, porte d’epoca, pavimenti in cotto e spazi di grande prestigio. Due imprenditrici straniere hanno deciso di acquistarlo e ristrutturarlo, partendo dal loft.
La domotica ha permesso di raggiungere obiettivi ai quali, inizialmente, nessuno aveva osato puntare.

Un castello con molti problemi da risolvere

I clienti mi hanno contattato a lavori ultimati. Troppo tardi!
Questo ha reso difficoltoso inserirmi nel progetto, mantenendo una sequenza logica, e portando avanti quelle buone pratiche che veicoliamo di solito attraverso Progetta la Domotica.

Lo studio di Architettura GAP ha progettato la ristrutturazione del loft ricavato all’ultimo piano del Castello, collaborando con diverse maestranze. Purtroppo nessuno aveva previsto la domotica a supporto della ristrutturazione.

Al mio arrivo, nel momento in cui all’elettricista bastava tirare i cavi per concludere il proprio intervento, sono emerse problematiche ignorate in precedenza.

Interruttore centrale a forma di totem che comanda la domotica nel Castello di Clavesana
Interruttore centrale a forma di totem che comanda la domotica nel Castello di Clavesana

In fase di progettazione gli Architetti avevano previsto un solo interruttore-totem al centro della torre. Questo permetteva di salvaguardare l’armonia degli interni, ma non rendeva user friendly la fruizione degli spazi e la gestione di due impianti fondamentali:

  • l’impianto termico,
  • l’impianto di illuminazione.

Gestione combinata degli impianti di riscaldamento

I clienti e lo staff del cantiere di Clavesana hanno accolto il mio arrivo con sollievo. Si stavano accavallando diversi problemi e sono contento di aver potuto dare una mano.
Fino a quel momento, era parso impossibile poter gestire automaticamente la termoregolazione del loft.

Questo lavoro mi ha regalato molte soddisfazioni. Una sfida vinta, nonostante la situazione dei lavori fosse ad uno stadio decisamente avanzato.
Poter contare sul supporto di prodotti Control4 mi ha permesso di lavorare con serenità poiché li conosco da tempo e sono sicuro della loro professionalità.

Per far collaborare il riscaldamento radiante a pavimento e i fan coil a parete ho sviluppato un algoritmo in grado di gestire la velocità di regolazione degli impianti. Le temperature dei due sistemi di riscaldamento sono state progettate per alzarsi in maniera sincronica. Al raggiungimento della temperatura ideale il mantenimento viene garantito dal riscaldamento a pavimento.

La termoregolazione può essere gestita da remoto e adattarsi così alle esigenze dei committenti che, vivendo solitamente all’estero, utilizzano il Castello piemontese come casa delle vacanze.

Affrontando i lavori di ristrutturazione un po’ alla volta, i clienti non hanno ancora avuto modo di affrontare il problema della climatizzazione estiva. Un tema importante, soprattutto negli spazi ricavati nel sottotetto. Nonostante i muri spessi tipici degli edifici d’epoca, possono comunque raggiungere temperature decisamente elevate.
Fortunatamente, grazie alla domotica si potrà implementare l’impianto esistente, senza dover procedere con ulteriori opere murarie.

Gestione degli impianti luce grazie all’ausilio degli scenari

L’impossibilità di accendere luci, se non raggiungendo il totem posizionato al centro della torre, era l’altro grande tema che ha determinato il mio ingresso nel team.

Grazie alla domotica ho realizzato degli scenari di comportamento che si adattano alle diverse situazioni e permettono di vivere lo spazio, senza toccare alcun interruttore.

Lo Scenario Benvenuto si attiva all’arrivo dei proprietari e li accoglie con una temperatura settata sulle reali condizioni meteo. L’accensione progressiva delle luci ha il giusto grado di intensità, in accordo con l’orario della giornata. Una musica di sottofondo accoglie gli ospiti, adattandosi all’umore e alla situazione.

L’audio multiroom è una coccola in più che permette di ascoltare la stessa musica in tutte le stanze o approfittare di 16 streaming separati, in grado di accordarsi secondo orari e gusti musicali.

Il concetto di Scenario, nel campo della domotica, permette di ricreare comportamenti o situazioni reali che possono essere vissute dagli inquilini.
Nel nostro caso c’è anche uno “Scenario arrivederci” che tiene conto della temporaneità del soggiorno dei proprietari che potrebbero lasciare vuoto il loft anche per alcuni mesi.

Il sistema spegnerà il riscaldamento, staccherà la corrente e farà tutte quelle operazioni che non vengono eseguite quotidianamente.

Un particolare della zona notte nel loft ricavato all'interno del Castello di Clavesana
Un particolare della zona notte nel loft ricavato all’interno del Castello di Clavesana

Un antifurto multifunzione, all’altezza del Castello di Clavesana

Il sistema di sicurezza è stato impostato per poter essere gestito con estrema facilità, attraverso una App. La stessa che permette anche l’accensione delle luci. Persino quelle nella cabina-armadio.

Ho sfruttato a mio favore la presenza dei sensori di allarme, per far capire al sistema quando e come far accendere le luci.
Uno dei momenti in cui si attiva questa feature è all’ingresso della cabina-armadio. Scostando la tenda che separa la cabina dalla camera da letto, il sensore rileva la presenza di una persona e fa accendere la fila di led posizionati nello spazio adibito ad armadio.

Un progetto domotico ha sempre bisogno di un’attenta progettazione

Non mi stancherò mai di ribadire quanto sia fondamentale dedicare i giusti tempi alla progettazione domotica. Che si tratti della realizzazione dell’impianto per un piccolo appartamento, per un grande albergo o per un Centro giovanile. Le dimensioni degli spazi non contano, è importante essere tempestivi e lavorare con il giusto metodo, in accordo con Architetto e Cliente.

La ristrutturazione del Castello di Clavesana prevede la realizzazione, oltre al loft di cui mi sono occupato, di un albergo che comprenderà cinque suite, un ristorante e una beauty farm con una piscina interna e una esterna.

Un progetto di queste dimensioni, anche se affrontato un pezzetto alla volta, necessita di una progettazione domotica definita in anticipo.

A fine lavori il Castello avrà un ruolo centrale nel campo della ricezione alberghiera di charme e sarà trampolino verso il Nord Europa per attività legate al campo enogastronomico.

Come appassionato di domotica e System Integrator, sono curioso di scoprire quante e quali novità smart si potranno applicare ad un ambiente così particolare come il Castello di Clavesana.

Un particolare della zona giorno nel Castello di Clavesana
Uno scorcio della zona giorno nel Castello di Clavesana

Progetta la Domotica: il team cresce con un System Integrator di grande esperienza

Progetta la Domotica è nata nel 2019 e questi sono i giorni giusti per tirare le prime somme. Senza troppi indugi possiamo dire di essere entusiasti dei risultati di questi primi mesi di lavoro!

Nati per diffondere la cultura domotica, il nostro obiettivo è quello di fare da trait d’union tra gli Architetti e i loro clienti.
L’evoluzione del settore Domotica e Smart Home richiede competenze trasversali che spaziano dall’elettrico all’informatico. Noi, Matteo De Simone ed io, riusciamo a fornire un supporto professionale completo, rodato da anni di amicizia.

L’approccio user centered per noi è sempre il migliore

Abbiamo puntato tutto sulla disponibilità e sulla sincerità con i nostri clienti. Ed è stato proprio perché abbiamo sempre preferito un approccio orientato alla soddisfazione del cliente, che i risultati non hanno tardato ad arrivare.

Dopo aver parlato con centinaia di Architetti abbiamo avuto conferma della nostra intuizione iniziale: il tema interessa molto ma, purtroppo, serpeggia ancora molta confusione. Il rischio di acquistare “qualcosa di domotico” solo perché ce l’hanno i vicini di casa, incombe. E non sempre il cliente finale è accompagnato nelle proprie scelte.

Noi abbiamo la voglia e la competenza per offrire soluzioni e risposte ai dubbi di Architetti e committenti.
Per fornire un supporto ancora più mirato, abbiamo scelto il 2020 per far crescere il team, dando il benvenuto ad un System Integrator che ci permetterà di ampliare il nostro raggio di azione.

Alex Edmondo: il System Integrator che completa il team di Progetta la Domotica

Alex, Maurizio e Matteo… il primo selfie del nuovo team di Progetta la Domotica!

In questi giorni Alex Edmondo è entrato a far parte del nostro gruppo e non vediamo l’ora di iniziare a lavorare insieme.
Lo conosciamo da un po’ di tempo e lo abbiamo fortemente voluto al nostro fianco perché, oltre alla sua esperienza, ha una dote per noi fondamentale: ha a cuore il cliente e fa di tutto per trovare la soluzione adatta, anche alle richieste più stravaganti.

Ha iniziato a lavorare nell’ambito della progettazione e realizzazione di impianti di amplificazione, audio/video, Home Theatre e audiovisivi professionali. La sua curiosità lo ha spinto ad esplorare tutti gli strumenti intelligenti presenti sul mercato e a farli dialogare tra loro per dare vita, nel suo studio, ad un laboratorio quasi magico.

Il passaggio da utente a Beta-Tester è stato quasi d’obbligo: le aziende impegnate nella realizzazione di nuove tecnologie hanno visto in lui la persona giusta. Lo hanno assoldato per testare i loro prodotti prima di metterli in commercio perché il suo parere era quello di un professionista competente e appassionato.

Da più di 10 anni è uno dei System Integrator più richiesti in Italia. Lavora da tempo su progetti domotici altamente complessi. Parliamo di hotel, abitazioni private, ville, yacht e, addirittura, loft realizzati all’interno di castelli. Facciamo fatica ad elencare tutti i suoi progetti perché è un vulcano di idee e di energia.

Quello che possiamo dire è che siamo orgogliosi che abbia scelto di lavorare, in esclusiva, con noi.
Poter contare su un professionista che ha la nostra stessa vision ci permette di affrontare progetti sempre più ambiziosi, sicuri di portare a casa il risultato. E il sorriso dei nostri clienti.

Diamo così il benvenuto ad Alex e auguriamo a te buone feste. Ora è tempo di dedicarsi soprattutto alle lucine dell’albero di Natale e al panettone. O al pandoro? 😉

Il team di Progetta la Domotica cresce: arriva un System Integrator come terzo socio
Il team di Progetta la Domotica cresce: arriva un System Integrator come terzo socio

Casa Ponte: una buona palestra per agevolare l’autonomia nei disabili

Nell’ottica di semplificare la vita quotidiana ci si può imbattere in progetti speciali che coniugano attenzione per le fasce più deboli e domotica. Qualche settimana fa siamo stati chiamati a curare la progettazione domotica di una Casa Ponte a Chieri, in provincia di Torino.

Si tratta di un alloggio gestito da operatori specializzati, nel quale ragazzi con disabilità più o meno marcate, imparano a diventare indipendenti.
Questa specie di “palestra per rinforzare l’autonomia” verrà realizzata nella prima metà del 2020 e ha l’obiettivo di accompagnare verso una vita autonoma queste persone.

In un’ottica user-centered abbiamo immaginato le situazioni tipiche in cui si potrebbero trovare, nel quotidiano, gli utenti della Casa Ponte di Chieri. Ed è proprio partendo dal concetto di scenari che abbiamo impostato la progettazione domotica.
Basarsi sulle esigenze reali dei vari attori coinvolti è per noi l’unico modo soddisfacente di lavorare e fornire valore ai committenti.

Possibili scenari di funzionamento della Casa Ponte

All’interno del progetto sono stati individuati alcuni scenari di comportamento dell’impianto. Lo scenario di comportamento è una risposta che l’impianto domotico dà ad eventi specifici. Può trattarsi di feedback scatenati dai singoli impianti dell’edificio o da azioni dirette degli utilizzatori.

Gli scenari principali individuati sono:

  • Vado via“: spegnimento automatico delle luci e delle prese, abbassamento del riscaldamento e attivazione dei sensori interni quando la casa è vuota (ovvero quando viene attivato l’antifurto in modalità totale). Sarà possibile riprodurre un messaggio audio per ricordare o avvisare l’ospite che va via;
  • Benvenuto”: alla disattivazione dell’antifurto, la casa riattiva le prese e accende le luci in modo da creare un ambiente confortevole all’ingresso.
    Sarà possibile riprodurre un messaggio audio per avvisare o supportare l’ospite che entra;
  • È il momento giusto“: creazione di scenari temporizzati di eventi per favorire l’apprendimento da parte degli ospiti di buone pratiche e comportamenti virtuosi;
  • Parla con me“: controlla luci, musica e tv con la voce. Comunica con gli operatori tramite audiochiamate senza telefonino;
  • SOS“: funzionalità di segnalazione rapida e richiesta aiuto verso gli operatori;
  • Temporizzazioni“: Variare il comportamento della casa a seconda degli orari (es, luci meno intense la sera, disattivazione del videocitofono nelle fasce orarie notturne, abilitazione dell’ingresso alle ditte di pulizia in orari e giorni specifici…)
  • Scenari”: impostazioni predefinite di luci, prese e altri controlli che possono essere richiamati vocalmente o abbinati a specifici pulsanti;
  • Smart App“: applicazioni di intrattenimento o educative utilizzabili tramite televisore o assistente vocale (es. ricette, informazioni meteo, serie tv, musica);
  • Controllo remoto“: tramite un’App sullo smartphone dell’operatore, sarà possibile gestire tutti i controlli di casa, il sistema di antintrusione e sicurezza o contattare gli ospiti.

Obiettivi e interventi di Progetta la Domotica per la Casa Ponte

Progetta la Domotica ha accolto con interesse l’opportunità di lavorare per un contesto nuovo, ricco di potenzialità e spiccatamente attento al prossimo.
Abbiamo deciso di potenziare l’impianto elettrico esistente per aggiungere funzionalità di carattere domotico a supporto delle attività previste dagli operatori e dai fruitori della Casa Ponte.
Nello specifico, abbiamo deciso di seguire una linea non invasiva.

In questo contesto è importante, per il Committente, che gli interventi vengano progettati (ed eseguiti) in modo da poter garantire il ripristino totale dei locali nel momento in cui venisse meno l’obiettivo di utilizzo dell’appartamento.

A questo scopo si è pensato di procedere in questo modo:

  • utilizzare l’infrastruttura esistente e provvedere alla sostituzione o all’aggiunta di dispositivi o cavi evitando interventi murari;
  • gestire gli interventi necessari tramite l’applicazione di canaline removibili che possano essere facilmente rimosse in caso di cambio di destinazione d’uso dei locali.

Gli ambiti di intervento interesseranno il potenziamento della sicurezza e l’introduzione della rete Internet con:

  • aggiunta di sensori e telecamere specifici per la sicurezza dei locali e degli ospiti;
  • connettività di rete in modalità wireless per tutti i locali.

In un’ottica di apertura e di condivisione, si è deciso di lasciare in campo tutti i dispositivi che risulteranno essere equivalenti o migliorativi rispetto all’impianto esistente in modo da riconsegnare l’alloggio immediatamente e pienamente operativo.

Architettura tecnica dell’impianto domotico

Caratteristiche dell’impianto elettrico

La soluzione scelta per l’impianto elettrico permette una completa automazione di luci e prese con l’introduzione di corpi luminosi a luminosità variabile. Gli scenari di efficienza ipotizzati coprono:

  • Risparmio energetico, grazie alla possibilità di utilizzare la quantità di luce necessaria senza tenere sempre i corpi luminosi al 100%. Questo inoltre migliora il comfort generale degli ambienti;
  • Adattabilità degli scenari luminosi a specifiche esigenze degli ospiti, grazie alla possibilità di intervento diretto e senza bisogno dell’installatore;
  • Controllo e gestione di carichi per monitorare consumi, pianificare l’avvio degli elettrodomestici e, in un’ottica orientata alla sicurezza, disattivare carichi non in funzione;
  • Pulsantiere a led colorati che possano aiutare gli ospiti nell’utilizzo o favorire l’apprendimento di buone pratiche o abitudini positive (es. i pulsanti blu controllano le luci della cucina, quelli verdi i corridoi, quelli rossi chiamano l’operatore).

Collegamento ad internet facile e sicuro per operatori e utenti

Il progetto definisce un impianto di rete iniziale che consenta agli ospiti e agli operatori di avere accesso ad Internet in modalità wireless. Inoltre, definisce un’infrastruttura dedicata alla gestione domotica della smart home che ne favorisce la sicurezza e l’isolamento. Il sistema offre la possibilità di definire, in caso di necessità, delle policy di parental control per filtrare siti e tempi di accesso.

Antintrusione e sicurezza

Il sistema di antifurto proposto è stato progettato con i seguenti obiettivi:

  • garantire la tempestiva segnalazione di eventuali tentativi di effrazione o di furto;
  • possibilità di ricevere segnalazioni specifiche di apertura porte e finestre per supportare l’attività di controllo da parte degli operatori che seguiranno gli ospiti degli alloggi;
  • segnalare situazioni di pericolo come presenza di fuoco e allagamenti.

Nel rispetto della privacy dei soggetti, eventuali aperture in orari inattesi o sequenze di segnalazioni da parte di specifici sensori, potranno essere inviate ai dispositivi mobili degli operatori tramite messaggi, email o chiamate automatiche.

Termoregolazione gestita attraverso l’impianto domotico

Data la presenza di un impianto di riscaldamento radiale, si è pensato di puntare soprattutto ad una soluzione che potesse garantire un utilizzo oculato del sistema di riscaldamento/raffreddamento con intervento limitato da parte degli utilizzatori.

Si è quindi optato per la selezione di termostati con funzionalità di autoapprendimento delle abitudini degli ospiti in modo da massimizzare il comfort atteso, ridurre gli sprechi energetici e anticipare la necessità di calore o freddo grazie a funzionalità predittive.  

Videocitofono multifunzione per garantire sicurezza nella Casa Ponte

Il sistema videocitofonico individuato permette di utilizzare l’apparato non solo come semplice videocitofono ma anche come:

  • interfono tra esterni e i dispositivi touch interni posti ai due piani;
  • interfono da e verso gli operatori che potranno rispondere, aprire la porta e contattare gli ospiti anche solo tramite il loro cellulare;
  • telecamera di supporto alla sicurezza grazie all’abilità di memorizzazione dei fotogrammi raccolti al momento della pressione del pulsante del campanello.

Sistema audio e video che assecondi l’indipendenza degli utenti

In accordo con gli educatori sarà predisposta una zona tv e audio nella quale vedere film e programmi tv ma anche ascoltare musica direttamente attraverso il proprio telefono. Sarà possibile avere una seconda zona audio comune per la sola fruizione di musica.

L’impianto audio sarà utilizzabile anche per trasmettere (a seguito di eventi specifici) messaggi audio di supporto all’autonomia dell’ospite (pro memoria, istruzioni per eseguire alcune azioni) o comunicare con l’operatore.

Assistenza e manutenzione dell’impianto domotico della Casa Ponte

Per garantire il funzionamento continuativo e gestire eventuali problemi durante l’utilizzo del sistema si può proporre, come abbiamo fatto noi, un periodo di manutenzione e assistenza che garantisca:

  • teleassistenza 24×7;
  • intervento in loco entro le 48 ore;
  • interventi di aggiornamento software e verifica funzionamento degli scenari programmati;
  • sconto sui materiali sostitutivi e interventi in caso di guasti.

Usare la domotica con finalità etiche e di inclusione è per noi motivo di orgoglio. Impiegare la tecnologia permettendo a persone con disabilità, più o meno gravi, di mantenere o addirittura conquistare la propria autonomia è stato incentivante.
Quando si pensa alla domotica, qualcuno potrebbe associarla a pigrizia e agiatezza… noi crediamo invece che aiutare il prossimo nella crescita della propria autostima, sia stato un bel regalo anche per noi.

La Casa Ponte di Chieri è una "palestra per rinforzare l'autonomia" di persone con disabilità
La Casa Ponte di Chieri (Torino) è una “palestra per rinforzare l’autonomia” di persone con disabilità

L’importanza di progettare la domotica al momento giusto

“Ogni cosa a suo tempo” è un modo di dire che possiamo fare nostro anche quando si parla di progettazione domotica.
Sbagliare i tempi, iniziando la fase di progettazione domotica troppo presto o troppo tardi, può creare problemi che rischiano di mettere a repentaglio la buona riuscita del lavoro.

Per garantire un servizio adeguato al tuo cliente è importante partire con il giusto anticipo. Questo garantirà coerenza tra i tuoi obiettivi e i suoi e, soprattutto, eviterà il rischio di dover recuperare “in calcio d’angolo” un progetto avviato senza le accurate analisi del caso.

A te, come Architetto, viene richiesto di farti garante tra noi progettisti e il tuo cliente finale, ma noi non abbiamo intenzione di abbandonarti. Il nostro obiettivo è quello di supportarti anche nel caso in cui le cose dovessere complicarsi.
Lavorando insieme possiamo anticipare i possibili guai, non solo quelli che possono capitare in cantiere ma anche le piccole incomprensioni con il cliente.

Il progetto domotico realizzato con troppo anticipo

C’è un momento in cui per il cliente non è ancora chiaro quali possano essere le potenzialità della domotica e come applicarle alla propria abitazione.
Il suo desiderio è quello di “mettere un po’ di domotica” ma non sa ancora a quale scopo. Ce l’hanno i vicini, ne ha sentito parlare alla televisione, ci sono i bonus ristrutturazioni… ecc. Le motivazioni possono essere le più svariate.
Ecco, questo non è ancora un buon momento per parlare di progetto domotico: è ancora troppo presto.

In questa fase bisogna fare brain-storming, raccogliere le idee del committente e fargli capire cosa si può fare e a quali costi.
Dopo la chiacchierata iniziale, il Progettista Domotico preparerà la relazione preliminare con le opzioni pensate appositamente per il cliente.
Ma non solo per lui… per tutti gli attori che abiteranno la casa. Compresi gli eventuali amici a quattro zampe.

L’anticipo eccessivo può essere fuorviante per il cliente che pensa di acquistare una cosa e invece si “porta a casa” tutt’altro. Inoltre può anche spaventarsi davanti a preventivi che reputa troppo alti rispetto al beneficio percepito.
Probabilmente l’unico suo metro di paragone, parlando di impianti, è quello che lo fa andare, con il pensiero, all’impianto elettrico. E al preventivo che gli ha fatto l’elettricista. Ovvio che possa sentirsi spiazzato. Ma come abbiamo già avuto la possibilità di sottolineare, il progetto domotico non sostituisce quello elettrico. E non sono paragonabili.

Il progetto domotico realizzato troppo tardi

Non ti nascondiamo che questo è lo scenario più complicato. Entrare in un progetto già in fase esecutiva è difficile in ogni ambito. In campo domotico significa:

  • dover capire come si possa usare quello che è già stato fatto;
  • pianificare una “crescita progressiva” che porti nella giusta direzione.

Nel momento in cui l’Architetto si è già impegnato con i fornitori per scegliere l’impianto più adatto o per valutare il costo di cinquanta punti-luce, per noi è già troppo tardi riuscire ad intervenire. Spezzare un vincolo molto forte o introdurci in una trattativa avviata, rende più complicato il nostro lavoro e ci impedisce di fornire il miglior supporto nella scelta di come e cosa fare.

Aver saltato la fase di colloquio preliminare con il cliente significa che non conosciamo quali siano realmente le sue esigenze e che, di conseguenza, potremmo non riuscire a consigliare l’impianto più adatto.

Il cliente potrebbe scoprire – troppo tardi – che alcune cose che pensava di poter fare in un modo, in realtà le deve fare in un altro. Dovrebbe così scendere a compromessi o rinunciare completamente a quello che desiderava.
Potrebbe essere un problema legato alle impostazioni della caldaia oppure all’apertura automatica su quei serramenti che gli piacciono molto. Tutto perché questi elementi non sono in grado di “comunicare” con l’impianto domotico installato.

Il progetto domotico realizzato nei tempi giusti

Il momento ideale per iniziare a ragionare in termini di progetto domotico è sicuramente… il secondo appuntamento. Un po’ come nelle più belle storie d’amore, il primo incontro serve per rompere il ghiaccio ma al secondo appuntamento si hanno le idee più chiare e si può iniziare a fare sul serio!

Dopo il primo incontro, emergono le complessità e si può cominciare a definire meglio il comportamento della casa e degli attori che la abitano.
Facendo partire in contemporanea i lavori sul design architetturale e il progetto domotico, è più facile dare al cliente delle certezze, previsualizzando con lui cosa sta per succedere e, soprattutto, cosa sta per comprare.

La scelta dei tempi adeguati è alla base della promessa – mantenuta – di alta qualità dei lavori.
“Partire con il piede giusto” servirà anche per mantenere buoni rapporti tra Architetto, Progettista Domotico e cliente finale.

Quindi non ci stancheremo mai di ribadire che i lavori migliori sono quelli impostati bene sin dall’inizio a seguito di un’attenta progettazione su carta.
Siamo fatti così, ai lustrini e alle promesse esagerate preferiamo concretezza e attenzione ai particolari. Vogliamo parlarne davanti ad un caffé? 😉

Progettare la domotica al momento giusto ti mette al riparo da problemi con il cliente

La domotica migliora l’esperienza utente negli alberghi

La building automation negli alberghi è un tipo di automazione abbastanza comune ormai da molti anni.
Scelta principalmente per migliorare il risparmio energetico e la gestione amministrativa delle strutture ricettive, aiuta a garantire un soggiorno piacevole all’utente.

Potresti già aver seguito dei lavori di ristrutturazione alberghiera, quindi avrai già affrontato con il tuo cliente le peculiarità di una struttura che deve gestire il pernottamento di più persone contemporaneamente. E che ha come missione la soddisfazione di tutti gli ospiti.

La building automation a servizio degli ospiti

È in reception che si fa un primo “assaggio” di quello che può fare la building automation: alla consegna delle chiavi viene abilitata la stanza, che si collega al nuovo ospite. Al check-out permetterà un rapido conteggio delle spese extra (mini-bar, canali televisivi a pagamento…) e tutto sarà rapido e preciso.

Arrivati in stanza si potrà prendere confidenza con le tapparelle automatizzate, con la luce che si accende al passaggio e con l’aria condizionata programmabile.
Tutte automazioni strettamente legate alla presenza e all’interazione dell’utente con l’ambiente che lo circonda.

Eppure si potrebbe fare molto di più. Lo sanno le grandi marche (Siemens, Control4, Hdl o Lutron) che hanno messo a punto soluzioni dedicate, spesso progettate a moduli, in grado di coprire tutte le esigenze di una stanza.

Chi più spende, meno spende!

Gli alberghi più piccoli stentano ancora ad offrire un servizio completamente gestito attraverso la building automation. I costi dei lavori per mettere tutto a regime, possono spaventare un po’, facendo rimandare i lavori di ammodernamento.
Ci teniamo però a consigliarti di affrontare, a inizio lavori, il discorso con il tuo cliente. Spesso i titolari di queste piccole strutture non fanno il calcolo di quanto possa incidere, in termini di spesa, la mancanza di automazioni pensate sulle esigenze del cliente.

L’aria condizionata che rimane attiva anche quando l’utente ha già lasciato la stanza è solo uno di quei servizi che può influire sulla bolletta. Stessa cosa quando l’ospite apre la finestra della stanza, ignorando che il condizionatore è acceso.
Sembrano esempi di poco conto. Per rendersi conto del danno, bisogna moltiplicarli per il numero di stanze. Senza dimenticare che, il problema è strettamente collegato alla presenza di personale che dovrà intervenire spegnendo il condizionatore o chiudendo la finestra.

La domotica è tua alleata nella progettazione dell’albergo

Per ottenere il maggior ritorno in termini economici e di prestigio è necessario pensare alla domotica come un’alleata. Grazie a lei si possono sperimentare soluzioni che mettano al centro l’esperienza utente.
In fase di progettazione si devono analizzare tutte le carte a disposizione. E fare le scelte che permettano un passo in più verso la soddisfazione dell’ospite.

Per raggiungere questo obiettivo è necessario ragionare mettendosi nei panni di chi fruirà del servizio.
Di cosa potrebbe aver bisogno? Che cosa gli garantirebbe un soggiorno da favola? Come lo si potrebbe aiutare, dal momento che si trova in una città che non conosce e, forse, addirittura in uno Stato diverso da quello da cui proviene?

Uno dei modi che permettono al tuo cliente di prevedere i desideri dei suoi futuri ospiti è quello di partire dal concept della struttura ricettiva.
La domotica va progettata sulle caratteristiche che stanno alla base dell’offerta alberghiera.

La domotica in linea con il concept dell’albergo

Se, per esempio, stai lavorando alla creazione o alla ristrutturazione di un albergo Bio, con piscina e SPA potresti attingere a quel tipo di immaginario salutista.
Sarà quindi molto apprezzata la possibilità di svegliarsi grazie alla luce naturale. Questo plus lo si può raggiungere predisponendo le tapparelle o le tende in modo che si aprano al sorgere del sole. Ma si può anche dare la possibilità di iniziare la giornata con musica soft o con tutto quello che rappresenta e rafforza il concept della struttura.

E se fossi chiamato a progettare la ristrutturazione o la creazione di un albergo situato nel centro di una grande città turistica? Potrebbe essere una proposta interessante il collegamento tra la smart tv e i sistemi di prenotazione di eventi, nelle zone limitrofe.
Grazie alla domotica basterà un click per prenotare la cena nel ristorante più vicino all’albergo, un posto in prima fila a teatro o una visita guidata al museo più famoso della zona.

Come abbiamo già detto in altre occasioni la progettazione domotica è un servizio da anteporre alla realizzazione degli impianti.
Qualsiasi tipo di attività trarrà grande beneficio dalla stesura di un progetto in fase iniziale. Questo permetterà a te, Architetto, e alle altre figure professionali coinvolte, di creare del valore per il tuo cliente e per il suo hotel.

La domotica progettata sul concept dell’albergo risponde ai desideri dell’utente

5 motivi per cui l’uso della domotica può modificare il progetto iniziale

La domotica introduce nuove esigenze di spazio e consumi che possono portare a modificare il progetto iniziale.
Non si può più procedere con l’approccio tradizionale che prevede, solitamente in questo ordine, la stesura dei calcoli:

  • riguardanti la struttura architettonica,
  • energetici,
  • illuminotecnici
  • domotici.

L’impianto domotico permette di muoversi trasversalmente, all’interno dello spazio abitativo, rispondendo alle esigenze del cliente.

Non facendo capo ad un input locale on/off, non sempre ad un’azione corrisponderà un pulsante o un interruttore. Nascono così nuove opzioni che impattano su spazi e consumi.

La domotica necessita perciò di spazi “fisici” adatti per dare vita ad ambienti intelligenti e interattivi.
Potrebbe servire una zona dedicata, fresca ma non umida, ricavata in un punto poco esposto della casa, in cui posizionare tutta la centralina operativa della casa domotica.

In fase di implementazione sarebbe meglio sapere quanto scalderà il Rack per poter, eventualmente, predisporre un sistema di raffrescamento.
L’armadio Rack è un sistema standard d’installazione fisica di componenti hardware a scaffale, che potrebbe far variare la temperatura della stanza in cui è allocato.

Non si può sottovalutare questo aspetto perché se non si sceglie uno spazio adatto, lo si dovrà approntare comunque, all’ultimo minuto, andando a modificare il progetto iniziale. L’ipotesi di sistemare il nucleo centrale dell’impianto domotico in cantina è una pessima idea: troppa umidità che rischierebbe di mettere a repentaglio le funzionalità della casa smart.

Armadio Rack dello studio di Progetta la Domotica
Armadio Rack dello studio di Progetta la Domotica

1. E il cavetto dove lo metto?

Il sistema di riscaldamento al pavimento è una di quelle tecnologie che mal si concilia con le necessità installative della domotica. Può risultare utile attraversare le stanze da parte a parte con i cavi ma può anche capitare di non poterlo fare, perché impossibilitati a passare i cavi nel pavimento.

Se si progetta accuratamente in fase iniziale, si può scegliere di usare strade alternative o alzare il pavimento in modo da garantire spazio per i tubi elettrici.
Questo per non rischiare di dover condividere il poco spazio presente, con i tubi e i cavi del sistema di riscaldamento.

Ma non si dovrà rinunciare alla comodità del riscaldamento senza termosifoni… basterà, piuttosto, avere ben chiaro cosa si sta progettando, sin dall’inizio dei lavori.

Lo stesso inconveniente potrebbe verificarsi se si decidesse di mettere tutto al soffitto. La mancanza di spazio inviterebbe a soluzioni alternative come, per esempio, contro-soffitti oppure, ancora meglio, cablature wireless. Queste ultime, sicuramente eleganti e poco invasive, mal si accordano però con la posizione della centralina sotto terra.

Questi sono due esempi che non devono fare da deterrente assoluto ma piuttosto, possono essere stimoli per porre la giusta attenzione in fase di progettazione domotica, per prevedere un cambiamento nella ripartizione architettonica degli spazi.

2. La domotica aiuta a recuperare spazi inutilizzati

A volte in casa può capitare che ci sia quella stanza un po’ bistrattata, troppo fredda in inverno e soffocante in estate in cui nessuno vuole stare e, per forza di cose, diventa un po’ la stanza magazzino, mal utilizzata e piena di cose che non si sa dove mettere.

La buona notizia è che una buona progettazione domotica aiuta a recuperare questi tipi di spazi. Basterà permettere al sistema di regolare la temperatura e la luminosità nel modo migliore.

3. Modificare il progetto per far evolvere la domotica

Il cliente che opta per un impianto domotico nella propria abitazione deve sapere che potrà implementare la tecnologia a sua disposizione. Una casa smart seguirà le novità e gli aggiornamenti che renderanno la propria centralina sempre più moderna e adatta a supportare le esigenze di tutti i componenti della famiglia.

Per raggiungere questo obiettivo è importante progettare gli spazi per espandersi e rinnovarsi. Si potrà recuperare un po’ di spazio su ogni piano per nascondere cavi e nuove apparecchiature. E sarà importante puntare a mantenere sempre raggiungibili gli apparati di rete e tutte le apparecchiature che necessitano di manutenzione costante.

4. Interagire con l’ambiente in modo nuovo grazie alla domotica

La casa domotica è un concentrato di alta tecnologia ma l’utente non è tenuto a sapere “cosa c’è dietro”. Per lui le cose devono funzionare nel modo più lineare ed intuitivo.
Va da sé che alcune abitudini si modificheranno ma la cosa importante è che apporteranno migliorie alla quotidianità della famiglia.

A livello estetico si percepiranno cambiamenti: potranno sparire interruttori fino a quel momento sotto-utilizzati o ne verranno aggiunti dove non erano previsti (ad esempio si potrebbero introdurre access point anche in cantina). Oppure si renderà necessario nascondere l’antenna della smart tv, senza perdere in qualità ricezione.

Anche i sensori dell’antifurto potrebbero essere parzialmente occultati, in modo da renderli sì meno esposti ma senza mettere a rischio la sicurezza della casa.

Le abitudini cambiano a favore di una nuova costruzione dell’intelligenza che vada incontro alle esigenze delle persone. Così di notte, per accompagnare l’utente senza accecarlo, nel corridoio si accenderanno luci di cortesia e non la solita illuminazione a pieno regime.

5. La rete Internet per il tuo sistema domotico

Nonostante sia già stato detto che un buon progetto domotico dovrebbe essere indipendente dalla rete Internet e dagli operatori che forniscono la connessione, è innegabile che molte funzionalità high tech siano proprio strettamente collegate a Internet.

La questione della rete va ben ragionata in fase progettuale per evitare di modificare il progetto ad un passo dal traguardo.
Non si tratta più di un elemento accessorio quindi è bene non accontentarsi di ciò che viene generalmente offerto dalla compagnia telefonica X. C’è comunque da dire che, attualmente, una con collegamenti mediamente veloci potrebbe già rispondere in modo esaustivo ad alcune delle necessità di una casa domotica.

In un progetto corposo come quello che muove una casa intelligente sono, senza dubbio, necessari più cavi, più tubi e, di conseguenza spazi maggiori.

Tutta l’infrastruttura di rete che permette di attivare l’intera dimora domotica diventa così il secondo scheletro dell’abitazione, dopo quello elettrico.

Si rende necessario valutare il posizionamento degli access point in base alla permeabilità elettromagnetica, e prendere in considerazione la possibilità di modificare il progetto.
Si potranno aggiungere nuove prese di rete (per esempio in cucina) o anche predisporre un gruppo continuo che, in caso di guasti, mantenga la rete connessa 10 minuti in più. Il tempo utile per organizzarsi e per gestire eventuali problemi.

Questi esempi non devono spaventare ma piuttosto far capire cosa si celi dietro ad un progetto domotico eseguito con le giuste attenzioni. Sarà compito dell’Ambient Intelligence Designer, valutare tutte le opzioni per fare dell’abitazione del tuo cliente, la casa dei suoi sogni.

La domotica introduce nuove esigenze che possono portare a modificare il progetto iniziale

Problemi in cantiere. Come evitarli o… prevederli

I problemi in cantiere dell’ultimo minuto, quando già si pensava di aver quasi finito i lavori, li conosci vero?
Quell’intoppo che, a catena, fa saltare appuntamenti con fornitori e specialisti è all’ordine del giorno.
Ma non ci si abitua mai… quindi vediamo come evitarli quando si tratta di progettazione domotica.

Quando si realizzano dei lavori, senza averli prima studiati a tavolino, ci si espone a rischi che possono diventare molto importanti e mettere a repentaglio la buona riuscita delle operazioni.
Da una parte le richieste del cliente e dall’altra le bizze dei fornitori.
Fermati un momento e… progetta la domotica insieme a noi.

I problemi in cantiere si riducono molto progettando prima di iniziare

Ritardi sulla consegna dei materiali e appuntamenti annullati all’ultimo minuto (nonostante siano stati presi con largo anticipo), sono cose assai note.
Se non si conosce a fondo il mondo delle smart home, invece, non tutti sanno quali e quanti problemi in cantiere possano vanificare il lavoro di mesi, se non affrontati in tempo.

Mettiamo il caso che il tuo cliente vada da un fornitore di infissi, consigliatogli da un amico, che gli propone l’acquisto di una porta di ingresso con riconoscimento digitale. La porta è bella, lui se ne innamora e tu, Architetto, te la vedi recapitare un bel giorno in cantiere.
Peccato che questa porta, dal prezzo considerevole, non si integri con il sistema domotico che alla fine avete deciso di adottare.

Cosa è successo? In pratica, la porta e il supercervello che fa da supervisore a tutti gli elementi della casa domotica alla quale state lavorando, “non si parlano”. Il sistema genera azioni e fa interagire tra loro antifurto, telecamere, luci, sistema di irrigazione ecc… ma la porta proprio non riesce a gestirla.

Si poteva evitare questo pasticcio? Certo! Sarebbe bastata una chiacchierata iniziale tra cliente, Progettista Domotico e Architetto per capire insieme come evitare problemi in cantiere.

Chi progetta la domotica ha l’esperienza per riconoscere al volo i problemi che si potranno presentare in futuro e la destrezza per saperli aggirare senza far perdere funzionalità all’abitazione e senza scontentare il cliente.

I desideri del cliente vanno indirizzati per evitare problemi in cantiere

Il risultato è che, nonostante la spesa importante il cliente potrà fare, con questa porta, solo una delle tante cose promessegli dal negoziante che gliel’ha consigliata. Ripensandoci a mente fredda sarà scontento e deluso.

Questo tipo di problema può capitare anche con altri fornitori: da chi si occupa di tende a chi installa le luci, da chi vende smart tv a chi fornisce lampade.

Se il sistema di gestione dell’illuminazione viene basato sull’uso di luci a led e poi il cliente compra quelle al neon, non funzionerà niente. Questo causerà un fermo del cantiere, un’attesa per il cambio di luci e una nuova consegna che faranno slittare i tempi, con conseguenti ritardi e malumori.

Per evitare di aver a che fare con committenti nervosi, impazienti e scoraggiati, la soluzione è giocare di anticipo facendosi affiancare da personale altamente qualificato.

Ti aiutiamo a scegliere i professionisti migliori

Certo, si fa presto a dire personale qualificato ma, in pratica, come si fa a sapere se le persone scelte per passare da cantiere a casa dei sogni, sono quelle giuste?

Non siamo qui a demonizzare chi ha sempre lavorato nei cantieri “alla vecchia maniera” ma ci teniamo a porre l’accento su un’evidenza: anche nel mondo delle costruzioni e dei cantieri le cose sono cambiate.

Adesso non basta fare le tracce e tirare i cavi elettrici. Servono conoscenze in campo informatico e la malizia di saper gestire, in modi diversi, citofoni e tablet per la domotica oppure linee elettriche e impulsi che lavorano in maniera selettiva.

Si deve fare in modo che nessuno si ritrovi, all’ultimo minuto, davanti ad un problema di installazione. Problema che, per essere risolto, necessiterà di tre telefonate al commerciale dell’azienda X, due alla ditta produttrice e una all’ingegnere progettista.
Per poi sentirsi dire che non possono fare altro che inviare un file *.pdf con le istruzioni.

Facciamo formazione alla tua squadra di professionisti

Noi siamo a tua disposizione per affiancarti nella formazione di una grande squadra a supporto del tuo lavoro in cantiere. Possiamo farlo in tre modi:

  • aiutandoti a scegliere il professionista più adatto tra quelli che lavorano frequentemente con te;
  • facendo formazione alla squadra di cui ti avvali di solito;
  • trovando per te un nuovo professionista con le giuste competenze a cui affidare il lavoro.

Con il nostro aiuto sarai anche in grado di segnalare al cliente quali cose è possibile fare, cosa purtroppo no e quali necessitano di una variazione per poter rendere al massimo.

In questo contesto è possibile abbracciare un compromesso che permetta di lavorare in modo ottimale. Tutto, salvaguardando la soddisfazione del cliente.
Se non vuole rinunciare a quella porta che gli piace così tanto, è bene che sappia sin da subito che dovrà aprirla con la chiave perché il riconoscimento digitale proprio non funzionerà.
Ed è proprio nella fase iniziale che si potrà decidere “o quella porta o niente” oppure si troverà l’accordo che salverà gusto e praticità.

Chi ben comincia… è a metà dell’opera!

Per gestire il lavoro nel migliore dei modi e non ritrovarsi a metà dell’opera con fastidiosi problemi in cantiere, la cosa migliore è:

  • raccogliere le informazioni riguardanti i desideri e lo stile di vita del cliente e della sua famiglia;
  • progettare la domotica dell’abitazione con l’aiuto di persone qualificate;
  • scegliere le maestranze in grado di portare a termine la realizzazione di un progetto dal taglio mediamente tecnologico;
  • contattare fornitori certificati.

Noi di Progetta la Domotica siamo al tuo fianco per aiutarti a coordinare il lavoro degli installatori, fare formazione alla tua squadra e trasformare in realtà i desideri del tuo cliente.
Contattaci per capire se, e come, possiamo aiutarti.

Progetta la domotica per evitare fastidiosi problemi in cantiere
Progetta la domotica per evitare fastidiosi problemi in cantiere

Building automation, domotica o smart home? Facciamo chiarezza!

Building automation, domotica e smart home definiscono le tre tipologie di impianti che sostituiranno, in tempi e modi diversi, l’impianto elettrico tradizionale.

Il tratto che le accomuna è la possibilità di migliorare la qualità della vita delle persone in rapporto all’ambiente in cui vivono.

Differenze tra diversi tipi di impianti

Il grado di automazione che caratterizzerà la casa deve essere definito in fase di progettazione degli ambienti. La scelta può ricadere su uno di questi quattro sistemi:

  • Impianto elettrico tradizionale
  • Building automation
  • Domotica
  • Smart home

L’impianto elettrico tradizionale

Realizzato con collegamenti fisici di cavi, tubi e scatole di derivazione è “fatto per durare” ma la fase di creazione, ed eventualmente il suo aggiornamento, sono piuttosto invasivi perché richiedono interventi di muratura.

Il comportamento dell’impianto elettrico tradizionale è legato a quello di chi interagisce con l’abitazione. Risponde all’utente tramite due stati: acceso/spento, presente/assente e caldo/freddo.
Questo tipo di impianto è completamente slegato e indipendente rispetto alla presenza di una connessione Internet. Di conseguenza non è controllabile dall’esterno della casa o da remoto.

La building automation

Permette il controllo e l’automazione da remoto di singoli sistemi che non comunicano tra loro. Con la building automation ci sarà una App per ogni cosa: l’automazione delle tapparelle, l’apertura dei cancelli, l’accensione delle luci ecc…
Rispetto all’acceso/spento dell’impianto elettrico tradizionale, risponde anche ad interazioni di tipo aperto/chiuso, ma lo fa in base alla presenza/assenza dell’utente.

La domotica

Il suo funzionamento è basato sulla programmazione software che permette di nascondere le complessità dietro ad un unico strumento o ad un’unica App.
Nella casa domotica è necessario prevedere interventi di manutenzione periodica e aggiornamenti software. Questo permetterà ai vari elementi di funzionare contemporaneamente, vincolo sul quale si fonda l’idea di domotica.
È in grado di mixare le informazioni del sistema elettrico tradizionale con quelle della building automation allo scopo di fornire nuove risposte.
La sua peculiarità è la capacità di attivare meccanismi anche senza input da parte dell’utente.
In una casa domotica gli elementi comunicano tra loro seguendo le esigenze dell’utente. Si aprono le tende al calar del sole, si apre il garage quando si accendono le luci del vialetto o si accende lo stereo quando si entra nel salotto.

Le combinazioni di domande alle quali può rispondere la domotica sono molte e la sua qualità più grande è che permette di restare indipendenti ottenendo il massimo.
Questo significa che l’utente può scegliere, per esempio, le migliori casse audio in vendita e farle interagire con la smartTV della sua marca preferita, senza essere costretto a scegliere il “pacchetto completo della marca X”.
Questo lo svincola e lo rende indipendente da una marca e dalle sue eventuali variazioni di mercato.

La smart home

Il termine smart home è entrato nel nostro quotidiano anche grazie alla presenza degli smart home speaker. I vari Google Assistant, Siri, Alexa e Cortana sono smart home perché permettono l’interazione di un utente con informazioni e dati online o in Cloud.
Per intenderci, la smart home è il risultato di ciò che vogliamo far succedere in casa, sommato a informazioni e servizi presenti online.

Il cloud ci mette a disposizione anche la potenza dell’intelligenza artificiale di Google. Succede ad esempio quando si fa comunicare la videocamera di sorveglianza dicendole di salvare i filmati online su Google Drive. Oppure quando si decide di installare uno strumento come Google Nest, il termostato che dopo aver “studiato le abitudini” del tuo cliente per 7 giorni, si programmerà automaticamente e risponderà al suo controllo vocale.

La smart home è una tecnologia emergente che richiede una grande attenzione nella sua applicazione. Per ora l’80% dei sistemi sul mercato non è ancora pronto per essere utilizzato esclusivamente: i gadget e le cose “accessorie” possono già essere smart, ma il cuore della casa, per ora, ha bisogno di sistemi più consolidati. Si tratta di una tecnologia ancora troppo giovane per essere considerata affidabile.

Inoltre, senza il collegamento ad Internet la smart home non esiste e i materiali sul mercato e le infrastrutture (la connessione 4G dovrà essere sostituita completamente dalla 5G, senza fili) non sono all’altezza delle necessità di questo sistema.

Speriamo di averti aiutato a delineare le differenze tra i diversi tipi di impianto. Avere le idee chiare ti permetterà di consigliare al tuo cliente la soluzione migliore per le esigenze della sua famiglia.

Domotica, Building automation e Smart home. Distinzione tra termini
La domotica applica informatica ed elettronica alla gestione delle abitazioni