progetta la domotica-iniziare i lavori con ecobonus 110%

È ora di iniziare i lavori con l’Ecobonus 110%

Il Decreto Rilancio è entrato in vigore e l’Ecobonus 110% si delinea con ulteriori dettagli utili ad iniziare i lavori. Noi di Progetta la Domotica abbiamo seguito tutti i vari “tira e molla” burocratici che hanno contraddistinto questo tema.
Ammettiamo che non è facile accedere all’Ecobonus 110%. Ci sono molte regole da rispettare. Sarà fondamentale affidarsi a professionisti seri e avere una casa che risponda ad una serie di prerequisiti.
Quello che possiamo assicurarti è che siamo pronti ad affiancarti se hai un progetto domotico “nel cassetto”. Il 2020 è stato un anno difficile. Noi non ci siamo persi d’animo anche perché abbiamo continuato a lavorare con passione. Siamo affascinati dalla domotica e dalle sue molteplici possibilità.

Progetta la Domotica è pronta per iniziare i lavori al tuo fianco

Dal 15 Ottobre sarà possibile fare richiesta per l’Ecobonus 110% all’Agenzia delle Entrate.
Le richieste devono pervenire entro il 16 marzo 2021 per le spese sostenute nel 2020. Per le spese sostenute nel 2021 la scadenza sarà il 16 marzo 2022.
Noi ci siamo organizzati per dare risposta a tutto ciò che riguarda l’impiantista domotica. Ora tocca a te:

scegli il Team di Progetta la Domotica per iniziare i lavori del tuo prossimo progetto domotico… con il sorriso sulle labbra!

Non ti racconteremo la favola che sarà tutto facile e risolvibile in poche ore, perché amiamo essere onesti. Possiamo rivelarti che abbiamo un segreto per ridurre i possibili guai.
Noi dedichiamo molto tempo al cliente e alla sua famiglia. Immaginiamo mappe di comportamento adatte alla sua condizione familiare. Procediamo con un accurato progetto domotico e ci godiamo il relativo vantaggio sui tempi di realizzazione. Questo perché, essere nella condizione di affrontare gli inevitabili contrattempi, fa lavorare meglio noi e rasserena il cliente.

Non lasciamo niente al caso: lavorare insieme sarà bellissimo!

I progetti più nelle nostre corde riguardano i piccoli condomìni, le bifamiliari e le case indipendenti. Ci piace lavorare a stretto contatto con l’Architetto che si occupa della creazione o della ristrutturazione dell’edificio. Lo confessiamo: condividiamo l’entusiasmo di George Peppard che, nei panni del Colonnello John “Hannibal” Smith dell’A-Team diceva:

Vado matto per i piani ben riusciti!

I desideri del cliente hanno la priorità. E facciamo di tutto per poterli esaudire.
Questo tipo di lavoro, tailor made, ha bisogno di tempo per dare i risultati migliori. Sappiamo che l’Ecobonus 110% riguarda tutte le spese sostenute tra il 1° Luglio 2020 e il 31 Dicembre 2021. Personalmente preferiamo non prendere più lavori di quanti siamo in grado di seguire con il massimo dell’attenzione.
Siamo amanti dell’organizzazione: ci piace strutturare le diverse fasi che compongono la progettazione domotica. E questo ci permette di far quadrare tutto, limitando gli intoppi.

L’ecobonus 110% applicato alla domotica

Quali sono le aree legate alla progettazione domotica, che permetteranno di usufruire dell’Ecobonus 110%?
L’installazione di tutti quegli strumenti tecnologici di “building automation” che, integrati tra loro, puntino a migliorare la vita degli utenti.
C’è una conditio sine qua non. Le migliorìe domotiche devono essere eseguite insieme a uno degli interventi trainanti. O ad entrambi.
Ricordiamo che questi sono: l’isolamento termico delle superfici opache dell’abitazione e la sostituzione dell’impianto termico.
In caso contrario si entrerà nella sfera di competenza del Bonus sulla riqualificazione energetica che prevede un’aliquota del 65%.

L’Ecobonus 110% coprirà tutto ciò che permette di gestire in modo automatizzato gli impianti di riscaldamento e di raffreddamento; la produzione di acqua calda sanitaria e il controllo da remoto degli elettrodomestici. Migliorie che assecondano la sostenibilità e il risparmio energetico.

Criteri tecnici per entrare a far parte dell’ambito “building automation”

Per far sì che gli interventi legati alla sfera della “building automation” vengano accettati all’interno dell’Ecobonus, è bene tener conto di alcuni elementi:

  • a lavori ultimati i dispositivi devono mostrare i consumi energetici aggiornati con la fornitura periodica dei dati, attraverso device multimediali;
  • gli strumenti in uso devono evidenziare le condizioni di funzionamento correnti e la temperatura di regolazione degli impianti;
  • è d’obbligo che vengano rispettate le norme nazionali e locali in materia edilizia, urbanistica, sicurezza ed efficienza energetica.

Quali spese possono essere coperte dal Bonus?

Le spese coperte dal Bonus saranno le seguenti:

  • i sopralluoghi,
  • la redazione del certificato energetico iniziale,
  • la redazione del certificato energetico finale,
  • la documentazione necessaria a far partire i lavori,
  • la progettazione domotica,
  • la realizzazione degli impianti elettrici e murari necessari,
  • l’installazione di tutti gli strumenti che renderanno la casa smart,
  • le spese sostenute per smontare ed eliminare eventuali impianti preesistenti,
  • i lavori di adeguamento della rete di distribuzione e diffusione del riscaldamento,
  • l’installazione e la gestione dei dispositivi di controllo e di regolazione.

Le spese per l’acquisto di tablet, smartphone o altri dispositivi che permettono il controllo a distanza dell’abitazione domotica, saranno a carico del proprietario.

Documentazione necessaria per richiedere l’Ecobonus 110%

Per chi ha deciso di iniziare i lavori è necessario munirsi di tanta pazienza e di un grande archivio nel quale devono trovare posto tutti i documenti relativi ai lavori. Le sanzioni e le asseverazioni infedeli verranno comminate dal Ministero per lo Sviluppo Economico e potranno superare la soglia dei 10.000 € per ogni documento fallace.

A lavori ultimati l’Enea eseguirà dei controlli a campione per verificare il rispetto dei requisiti per accedere alla detrazione. I controlli potranno essere egregiamente superati ma si dovrà dimostrare di possedere i seguenti documenti:

  • le fatture,
  • le ricevute dei bonifici,
  • le eventuali delibere condominiali,
  • la copia della Comunicazione Enea,
  • lo storico dei documenti tecnici (asseverazione, scheda descrittiva dei lavori, schede tecniche dei dispositivi).

Iniziare i lavori nel modo migliore con il Team adatto a te!

Conviene dimostrarsi attenti e pignoli sin dalle prime fasi dei lavori. Capiamo che i lavori di ristrutturazione mal si concilino con il rigore e l’ordine. Le possibili sanzioni e i grattacapi che ne conseguono saranno un buon deterrente per i disordinati.

Il Team di Progetta la Domotica saprà iniziare i lavori al tuo fianco con professionalità e attenzione. Sono trascorse molte settimane in cui ti esortavamo ad aspettare per avere maggiori informazioni riguardo all’Ecobonus 110%. Questo è il momento in cui ti consigliamo di contattarci per iniziare i lavori del progetto che hai in cantiere.
Il nostro gruppo è composto da un Team di professionisti in grado di occuparsi del progetto domotico nella sua interezza.
Lavorare a nuovi progetti ci entusiasma e soddisfa il desiderio di nuove sfide. Le nostre giornate hanno un grande, ed insormontabile difetto: sono composte da 24 ore. Ci dispiacerebbe dover rinunciare proprio al tuo progetto domotico! 😉
Ti aspettiamo a Chieri, nel nostro show-room per una chiacchierata da cui, siamo sicuri, nasceranno grandi cose!