Chi è l’Ambient Intelligence Designer?

Quando si progetta una casa domotica è importante mettere in luce una nuova figura professionale: quella dell’Ambient Intelligence Designer.
Insieme all’Architetto e al System Integrator, concorre alla realizzazione delle abitazioni domotiche.

Il concetto di ambient intelligence rappresenta lo scenario nel quale gli uomini vivono circondati da dispositivi con capacità computazionali e interattive. Si tratta di sistemi collegati in rete che si mettono al servizio dell’utente con dedizione e discrezione, senza essere mai invadenti.

L’Architetto raccoglie informazioni e le trasforma in una vera e propria abitazione. Il System Integrator mette in opera il progetto domotico ma è l’Ambient Intelligence Designer che raccoglie gli input del cliente e li ingegnerizza.
Questa nuova figura organizza in un progetto tecnico le informazioni utili alla realizzazione di un software che attiverà la casa domotica.

Il ruolo dell’Ambient Intelligence Designer

Il suo compito è quello di fare da ponte verso la selezione della tecnologia più adatta alla realizzazione della casa domotica. Sarà il System integrator a metterla in campo.

Si tratta di una professione relativamente recente il cui ruolo, in alcuni casi, potrebbe essere ricoperto, in tandem, dall’Architetto e dal System Integrator.
Se l’Architetto può vantare basi di metodologia di progetto centrate sul cliente e il System Integrator skill ingegneristiche, lavorando in sinergia porteranno a casa il risultato ottimale.

In caso contrario, si sentirà appunto l’esigenza di una figura come l’Ambient Intelligence Designer a fare da trait d’union tra i due professionisti. Il suo lato più centrato sulle problematiche umane e sull’esperienza utente, sarà fondamentale per la realizzazione della casa dei sogni del cliente.

Soddisfare il cliente mettendolo al centro

Le nuove tecnologie si portano dietro la nascita di nuovi lavori e nuovi professionisti. L’Ambient Intelligence Designer ha sicuramente una formazione tecnico-ingegneristica, di profilo informatico ma questo non basta. Il suo ruolo si completa con la presenza di elementi di metodologia di progetto, utili a chi deve realizzare un’abitazione domotica.

Il suo lavoro è interpretare gli input del cliente trasformandoli in informazioni utili per realizzare il sistema domotico. Lo scopo finale è quello di scegliere la tecnologia migliore a questo scopo.
Una delle qualità di un Ambient Intelligence Designer è la capacità di “spacchettare” le informazioni facendo emergere gli elementi importanti che, in sua assenza, rischierebbero di rimanere impliciti o di perdersi.

L’apporto che può dare la figura dell’Ambient Intelligence Designer è utile per stimare i costi in modo preciso. In questo modo ancheil System Integrator avrà tutto talmente chiaro e definito da poter proporre, per il proprio lavoro, un preventivo molto veritiero che non lasci adito a dubbi o a spiacevoli sorprese.

Il suo ruolo risponde alla domanda: “Perché devono succedere quese cose?”, non “Come facciamo a far succedere queste cose?”. Le risposte le ottiene con approfondite chiacchierate con tutti i membri della famiglia, nessuno escluso. Perché se è vero che ognuno è diverso, nella casa domotica queste differenze possono venire allo scoperto ed essere prese in considerazione, come meritano. Questo servirà per concorrere alla realizzazione di una casa ideale… per ogni componente della famiglia.

L’Ambient Intelligence Designer parte dai sogni e dai problemi delle persone per creare dei prodotti che diano loro soddisfazione