Cosa può fare la domotica?

Ok la domotica. Tutti ne parlano ma, quando è il tuo cliente a citarla, ritenendo che nel 2019 non se ne possa proprio più fare a meno – come gli ha detto suo cugino – tu, Architetto, sai come indirizzarlo nel modo giusto?
Oppure, se lui non osa prenderla in considerazione per paura dei costi, tu sai quali funzionalità proporre per rimanere nel budget e dare risposta alla classica domanda: “Cosa può fare la domotica?”

Vediamo 3 esempi, ma altre idee le trovi in questo post, che ci permettono di fare chiarezza nella confusione che si crea ogni volta che vengono citati termini come domotica, smart home o building automation.

Se c’è il temporale le prese elettriche si staccano da sole

Con queste estati dal tempo atmosferico variabile, capita di essere colti da un temporale quasi quotidianamente.
Il primo pensiero, in caso di fulmini va sempre alle prese di corrente e all’antenna della televisione: meglio scollegare tutto per evitare sovraccarichi elettrici e lesioni agli elettrodomestici!

Quando un fulmine colpisce un’antenna, le può iniettare tanta corrente elettrica da procurare uno sbalzo di tensione talmente alto da compromettere gli apparecchi domestici.

Una casa domotica può occuparsi in autonomia di staccare e ricollegare i carichi elettrici, in caso di presenza di fulmini.
Il System Integrator, seguendo le istruzioni del progettista domotico, può chiedere all’abitazione di consultare servizi meteo online in caso di annuvolamenti o può installarle dei dispositivi di rilevamento dei fulmini.

La casa progettata ad hoc sarà in grado di percepire l’arrivo del temporale e si attiverà – mettendosi in modalità protezione – per staccare tutti gli elettrodomestici di casa o per scollegarne solo alcuni in determinate zone più a rischio.
In caso di apparecchi che sarebbe meglio rimanessero collegati sempre (frigoriferi, congelatori…) il sistema può decidere di riattivarli quando il rischio scongelamento si fa più pressante di quello legato alla presenza dei fulmini.

Si chiudono le tapparelle per preservare il fresco

Il sistema domotico può usare le previsioni meteorologiche online anche per prepararsi all’arrivo del caldo e abbassare di conseguenza le tapparelle nelle ore più calde.
Questo aiuta a ridurre l’entrata dei raggi solari facilitando il lavoro dei sistemi di raffrescamento.

Le stanze dell’abitazione esposte di prima mattina e est o nelle ore più calde a ovest, in estate potrebbero surriscaldarsi e costringere il condizionatore ad un’attività più intensa. Un surplus di lavoro, teso al raggiungimento della temperatura ideale per l’utente, che però si traduce in un consumo e una spesa maggiori.

Per ovviare a questa problematica la smart home abbasserà le tapparelle per mantenere il fresco e aiutare il sistema di raffrescamento.

Si regolano i consumi con pannelli solari e uso degli elettrodomestici

L’uso dei pannelli solari permette di far funzionare gli apparecchi di casa grazie all’energia prodotta dal sole.
Una parte di questa energia la si può “conservare” per usarla nei momenti di brutto tempo. Un’altra parte dell’energia prodotta la si vende al gestore elettrico con cui si è stipulato il contratto.

Ma cosa si può fare con i pannelli solari, integrati alla domotica, per rendere una casa realmente intelligente?
Si può pianificare l’avvio degli elettrodomestici per sfruttare al meglio la corrente in eccesso prodotta.

Innanzitutto si deve permettere alla casa di collegarsi ad una App di meteo online per visionare le previsioni per il giorno successivo.
Se risulta esserci una giornata con pieno sole si verrà avvisati, con un messaggio sul device con il quale si interagisce con l’abitazione, di preparare la lavatrice la sera perché, probabilmente nell’arco della mattina seguente ci sarà energia da sfruttare.

Il sistema farà così partire la lavatrice (ma anche la lavastoviglie o i robottini per pulire il pavimento) in un momento in cui, anche se in casa non c’è nessuno, il sole permette di produrre e usare più energia.

Queste sono solo alcune delle potenzialità della domotica. E non stiamo parlando di applicazioni di super-lusso. Sono cose che potrebbero essere realizzate in molti appartamenti di ultima generazione.

Purtroppo a volte ci sono le predisposizioni tecniche nelle abitazioni ma manca l’esperienza per attivare i sistemi più all’avanguardia. In questi casi si sotto-sfruttano le potenzialità di una casa domotica che, invece, potrebbe dare tante soddisfazioni al proprietario dell’immobile.

Il tuo cliente non sa cosa può fare la domotica? Raccontaglielo tu!
Il tuo cliente non sa cosa può fare la domotica? Raccontaglielo tu!