La domotica per il giardino smart

Se si desidera una casa intelligente anche… fuori dalla porta, è automatico chiedersi cosa può fare la domotica per migliorare il giardino.

La tecnologia intelligente all’aperto non si limita ad implementare e regolare gli irrigatori. Si può fare molto di più per rendere smart il giardino in modo che appaia in ordine e protetto. E che, soprattutto, faccia venir voglia di trascorrere del tempo di qualità in relax.
Costruire un sistema complesso come un giardino intelligente significa far collaborare più dispositivi ed elettrodomestici. La progettazione diventa, ancora una volta, un passaggio importante da non sottovalutare.

Per fare in modo che il giardino diventi un’estensione della casa connessa, è necessario porsi delle domande sull’uso che si vuole fare dello spazio all’esterno. E chiedersi cosa ci si aspetta dal supporto domotico.
La maggior parte dei dispositivi intelligenti destinati all’esterno, si prende cura della natura promuovendo la crescita rigogliosa di erba e piante. Ma oltre a queste “funzioni base” permette anche di raccogliere dati con i quali monitorare, ed eventualmente migliorare, la fruizione dello spazio che circonda l’abitazione.

Come far arrivare il Wi-Fi in giardino?

Per ottenere questi dati è necessario connettere i vari sistemi permettendo loro di comunicare. Una buona rete Wi-Fi, con copertura che raggiunga l’esterno dell’abitazione, è condizione fondamentale per permettere al sistema domotico di essere efficiente in ogni spazio.
Nel progettare la domotica del giardino è bene considerare la possibilità di aver bisogno di un amplificatore di rete Wi-Fi, come per esempio il ripetitore Devolo. Appoggiandosi al cablaggio interno alla casa, fornisce all’esterno la stessa potenza del segnale presente indoor.

Risparmiare tempo è la principale motivazione che spinge a cercare un alleato nella gestione del giardino intelligente? Quanta importanza si dà al risparmio energetico e alla riduzione di sprechi e inquinamento? Ma anche, ultimo ma non per importanza, quale budget si può allocare per rendere domotico il giardino?
Questi sono alcuni spunti da cui partire per trovare risposta ai dubbi più comuni e organizzare così un giardino all’altezza della propria casa intelligente.

1- L’erba del proprio giardino è sempre più verde!

C’è chi fa parte del team #amoinnaffiareilgiardino e chi cede volentieri il passo agli irrigatori automatici. Occuparsi del giardino è un’attività gratificante ma necessita di tempo e dedizione. Quando diventa un obbligo quotidiano che, sommandosi a tutto il resto, manda in affanno… perché non farsi dare una mano dalla tecnologia?
Sapere di avere un alleato nell’impianto domotico che, se non si è a casa o si è troppo stanchi, assicura comunque le giuste cure all’amato giardino, è un grande aiuto.

I controller intelligenti per gli irrigatori, utilizzano i bollettini meteo e, incrociandoli con i dati estratti dal giardino, forniscono la quantità di acqua necessaria all’erba o alle piante, in un dato momento.
Si attivano a seconda delle reali esigenze del giardino e collaborano con altri dispositivi come rilevatori di fumo, telecamere o robot tagliaerba. Possono essere controllati in-App dal device preferito, sia quando si è in casa che da remoto.

Grazie ai controller per il sistema di irrigazione è possibile calibrare il consumo di acqua per avere una riduzione tangibile dei costi in bolletta. Inoltre permettono anche di avere “la coscienza a posto” con l’ambiente: la carenza di acqua è una piaga che affligge il mondo intero! Grazie ad un sistema domotico è possibile limitare gli sprechi annui contribuendo, nel proprio piccolo, alla salvaguardia dell’ambiente.

Per avere sempre il giardino rigoglioso bisogna riuscire a dosare l’acqua e a calibrare altri parametri. Il sistema domotico ti viene in soccorso

2- Le stazioni meteorologiche

Sapere come sarà il tempo durante la giornata non serve solo per decidere quali scarpe indossare… è un’informazione utile anche per monitorare le condizioni del giardino e programmare come prendersene cura.
Le stazione meteo rilevano i dati atmosferici: temperatura, intensità dei venti e tasso di umidità, fondamentali per garantire le giuste cure a piante e manto erboso.
Netatmo è una stazione meteo che tiene sotto controllo sia quello che succede in giardino che la qualità dell’aria, la temperatura e la situazione che si viene a creare dentro casa. Lo smartphone o gli altri device sono sempre il tramite attraverso cui la casa comunica con gli inquilini: gli alert rendono noto quando è il momento di “ritirare i panni stesi” o arieggiare la casa la cui salubrità è in diminuzione.

Anche la famosissima Alexa è in grado di comunicare bollettini dettagliati! Con modelli dedicati però si può raggiungere un altissimo grado di efficienza e di raccolta di informazioni. Dalla direzione e velocità del vento fino alle precipitazioni previste, passando per il calcolo delle radiazioni solari, UV e della temperatura del punto di rugiada. Tutte informazioni utili per la salvaguardia del giardino che possono essere visualizzate su appositi display.

3- Sensori intelligenti nel terreno

La cura del giardino e la crescita rigogliosa di prato, piante e fiori passano attraverso molti fattori e non è detto che basti un po’ d’acqua per raggiungere l’obiettivo. Certo, senza l’acqua la battaglia è persa in partenza ma un altro elemento fondamentale è il terreno. Non è questa la sede per disquisire dei diversi tipi di terriccio ma sarà utile sapere che si può avere un supporto nell’analisi di livelli di umidità e tipologie di fertilizzanti più adatti.
Il sistema domotico può contenere dei sensori intelligenti, posizionati nel terreno, in grado di verificare la vitalità del tuo giardino e di comunicare tramite App se le piante hanno bisogno di essere innaffiate o nutrite. Ce ne sono di diversi tipi in commercio tra cui i sensori intelligenti RainBird o i prodotti Rainmachine che hanno il pregio di lavorare molto bene in tandem con IFTTT.
Tra le altre cose analizzano anche la quantità di luce e la temperatura a cui vengono esposte piante e fiori, in modo da poter “aggiustare il tiro” in caso di risultati poco soddisfacenti.
Riconosciamo che si tratti di un plus importante ma non fondamentale… eppure siamo sicuri che, vista la possibilità di ottenere il massimo, sarà difficile rimanere indifferenti di fronte all’efficienza di questi sensori.

4- Il robot tagliaerba si occupa del lato noioso di avere un giardino

Qual è il lavoro più semplice ma noioso per chi ha un giardino? Tagliare l’erba. Nell’immaginario del cinema americano c’è sempre un ragazzino che guadagna i suoi primi dollari tagliando l’erba nel giardino dei vicini di casa. Chi non gradirebbe questo tipo di aiuto quando, complice il caldo, l’erba sembra crescere a vista d’occhio?

Se non riesci a convincere nessun teenager all’ingrato compito, ti viene in aiuto l’ormai famoso robot tagliaerba. Si tratta della versione outdoor del robot aspirapolvere e potrebbe cambiare l’idea di giardino mentre, a bordo piscina si sorseggia un drink ripensando ai tagliaerba manuali con il motore a scoppio.

Contrariamente ai modelli vintage il robot tagliaerba è elettrico e si muove all’interno di aree delimitate da cavi posizionati ad hoc. Può essere programmato o gestito dall’impianto domotico che riconosce, secondo determinati parametri, quando è il momento di farlo entrare in azione. Grazie alle stazioni meteo non sbaglia un colpo e non rischia di ritrovarsi sotto il temporale. I sensori di pioggia, nel caso, lo rimanderebbero indietro.
Si tratta di una spesa importante ma, pensando al tempo risparmiato e al benessere relativo, crediamo sia comunque bene farci un pensierino, indipendentemente dalle misure del giardino.

Il robot tagliaerba è un grande aiuto per avere sempre il giardino in ordine

5- Tende intelligenti da esterni per goderti il giardino

Abbiamo già avuto modo di parlare dell’importanza delle tende intelligenti nelle case domotiche. Questa è l’occasione giusta per ricordare quanto siano fondamentali anche le tende intelligenti da esterno.
La loro presenza migliora di sicuro l’esperienza di una giornata outdoor ma ha ripercussioni anche sulla temperatura interna e sul fabbisogno energetico della casa. Una giornata eccessivamente calda farà aprire le tende da esterno e chiudere quelle interne. In questo modo si preserva una temperatura interna ottimale e si riduce l’uso del condizionatore.

Al contrario, in caso di improvvisi cambi climatici, la stazione meteo comunicherà tramite App che è necessario chiudere le tende da esterni a causa del vento troppo forte o di un brutto temporale in arrivo.

Il sistema connesso permette alla casa di lavorare in tempo reale, mantenendo un equilibrio tra le esigenze di chi la abita e le condizioni atmosferiche. Sulle quali, non abbiamo nessuna voce in capitolo. 🙂
Possiamo dire molto, però, su come realizzare un buon progetto domotico adatto alla tua casa e al relativo giardino. Se desideri fare una chiacchierata con noi, ci puoi contattare tramite l’area dedicata.